skip to Main Content

Free: sia rispettata la programmazione degli incentivi per le rinnovabili

Si rispettino le tempistiche dei decreti delle fonti rinnovabili. Questo è quello che chiede Free in occasione del convegno “I futuri strumenti di promozione delle Fonti di Energia Rinnovabile”.

“Ci troviamo di fronte ad un punto di svolta importante per il settore dell’energia elettrica in Italia, in una transizione in cui diventeranno sempre più ristretti i confini tra produttori e consumatori, tra le diverse tecnologie di produzione, e che sarà basata su criteri di flessibilità, di dinamismo, di maturità tecnologica. A questa esigenza di cambiamento occorrerà quindi rispondere con misure adatte ad assecondare tali esigenze, in un periodo in cui tra l’altro ci troviamo in una situazione di stallo per quanto riguarda i provvedimenti per le rinnovabili. Il convegno ha quindi lo scopo di indicare per le diverse tecnologie le misure più appropriate a favorirne lo sviluppo. Va pertanto inteso come un contributo per l’atteso decreto sull’incentivazione alle rinnovabili per il periodo 2017 – 2020, che doveva da tempo essere licenziato”, ha dichiarato Gb Zorzoli, Presidente del Coordinamento Free.

“L’industria nazionale delle rinnovabili ha bisogno per poter crescere di chiari indirizzi e di strumenti efficienti. Il Governo deve quindi provvedere tempestivamente alla pubblicazione della nuova Strategia Energetica Nazionale, che ha visto una positiva e larghissima partecipazione dei corpi intermedi e quindi ad emanare i provvedimenti attuativi necessari a realizzare gli impegni assunti in sede Comunitaria. Il Coordinamento Free ha voluto organizzare questo momento di confronto proprio per avanzare proposte operative che possano dare un contributo al pubblico decisore, al fine di sfruttare al meglio il potenziale di ogni singola tecnologia pulita, così da raggiungere gli obiettivi assunti nel modo più efficiente per il sistema Italia”, ha dichiarato Simone Togni, Presidente di ANEV.

Back To Top