skip to Main Content

Le osservazioni di AiCARR sulla Strategia Energetica Nazionale

Per AiCARR, la Sen non indica le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi per le fonti rinnovabili,si prefissa obiettivi troppo bassi (48-50% per la quota Fer sui consumi elettrici e 27% di Fer sui consumi totali), non definisce in modo accurato le azioni di riqualificazione energetica di interi edifici e non prevede alcun monitoraggio dei consumi e dei sistemi di automazione, nel residenziale, nel terziario e nell’industria. Tutto questo lo si legge in una  lettera a firma di Francesca R. d’Ambrosio, presidente di AiCARR – Associazione italiana condizionamento dell’aria, riscaldamento e refrigerazione – indirizzata ai ministri Carlo Calenda e Gian Luca Galletti sulla Strategia energetica nazionale.

Nella lettera AiCARR propone di incrementare nella Sen gli attuali strumenti di incentivazione tariffaria delle pompe di calore e prevedere un tavolo di discussione con la Comunità europea sulla possibilità di estendere la quota delle rinnovabili anche nel settore del raffrescamento; di prevedere un contributo delle biomasse all’obiettivo Fer del 28-30% sui consumi termici; il ricorso programmato a diverse tecnologie di accumulo e all’applicazione del demand response; una revisione della legislazione vigente in tema di copertura da Fer (D.Lgs 28/11); la libertà di scelta progettuale delle tecnologie che meglio si adattino al progetto per raggiungere gli obiettivi di risparmio energetico imposti dalla legislazione vigente; di prevedere la messa a disposizione dei dati forniti dai sistemi di monitoraggio, i Big Data, in appositi energy repository; la possibilità di utilizzare le risorse ricavate da tassazioni specifiche per una riconversione produttiva low-carbon.

In ultimo, AiCARR suggerisce di introdurre una cabina di regia a guida della Presidenza del Consiglio, visti i numerosi soggetti coinvolti nella definizione della Strategia energetica nazionale.

Back To Top